Volare in buona compagnia… Ma anche con questi passeggeri?


EnglishItalian

Come avrete ormai intuito, appena posso viaggio. Che sia un weekend in una città europea o una settimana oltreoceano cerco di non farmi mai scappare l’occasione (tempo e soldi permettendo). Viaggiando spesso in aereo, ho collezionato una lunga lista di passeggeri che, prima o poi, a turno, si sono seduti accanto a me. Ho pensato potesse esservi utile.

1) IL PRESO MALE: solo l’idea di dover prendere l’aereo lo innervosisce. Si agita già una settimana prima della partenza e inizia a programmare scrupolosamente TUTTO: bagagli rintracciabili con GPS, strade alternative da percorrere per recarsi in aeroporto in caso di attacco nucleare e documenti catalogati in un maxi-contenitore ultra organizzato.
2) IL BUSINENESS MAN: super elegante, che nemmeno al matrimonio del suo migliore amico, munito di ogni più tecnologico gadget, salta per diritto naturale qualsiasi fila come uno stambecco che si arrampica su per un monte e viene trattato come una star da qualsiasi impiegato dell’aeroporto. Spesso, è anche quello che sta parlando al cellulare dall’ingresso in aeroporto e arriva sino al gate ancora telefonando. Spegne il telefono all’ultimo secondo, solo perché una hostess spazientita lo minaccia con lo sguardo e lo riaccende ancora prima che le ruote dell’aereo abbiano toccato terra.
3) LA BUSINESS WOMAN: la senti arrivare da un kilometro di distanza perché lei senza tacco 12 non esce di casa. Piega di capelli perfetta, unghie laccate e occhiali da sole anche alle 4 del mattino di un piovoso martedì di Dicembre. Puoi capire che aereo prende semplicemente seguendo la scia di profumo che lascia in giro per tutto l’aeroporto.
4) IL FIERO COLLEZIONISTA (di miglia): lui è un piccolo Indiana Jones e ne va davvero troppo fiero. Esibisce la sua gold platinum super ultra mega exclusive membership card come un distintivo di guerra o una medaglia olimpica.
5) IL COGLIONE CATASTROFICO: quello che appena preso posto sull’aereo inizia a chiacchierare amorevolmente con il compagno di volo sulle più recenti catastrofi aeree entrando nei dettagli di come, quanto spesso e perché potrebbe succedere un imprevisto proprio durante il vostro volo.
6) IL LETARGICO: si addormenta appena salito sull’aereo e non si sveglia più fino all’atterraggio. Se avete la sciagura di averlo seduto accanto, verso il corridoio, non potrete fare altro che svegliarlo – con suo grande fastidio - nel caso in cui vogliate sgranchirvi le gambe.
7) L’AFFAMATO: potesse mangiarsi anche voi lo farebbe da subito. Invece aspetta scalpitando qualsiasi pasto venga servito durante il volo e se voi, per caso, non avete fame, vi chiede anche il vostro vassoio per la seconda porzione.
8) L’ALCOLIZZATO: che siano le 7 del mattino o le 22 di sera a lui non importa un accidenti. Lui vuole dell’alcool. Che sia birra, spumante sgasato o vino da tre soldi non è rilevante. Quel che conta è che il suo bicchiere sia sempre pieno. Voi dal canto vostro scenderete dall’aereo un po’ ciucchi, dati i fumi che arrivano fino al vostro naso.
9) IL WEB DIPENDENTE: senza Internet, Facebook, Instagram, Twitter, Youtube, Imessage, Whatsapp … proprio non ci può stare. Nemmeno per un’ora. Appena salito sull’aereo si informa se è presente il Wi-Fi a pagamento e se non c’è va in crisi.
10) IL LETTORE INCALLITO: quello che, anche durante i voli notturni dove tutti si augurano di riuscire a dormire, accende la luce laser del suo posto, trafiggendo il buio dell’aereo per 15 ore ininterrotte in cui pare volersi leggere l’intero ciclo de "Il Signore degli Anelli".
11) IL CINEDIPENDENTE: la prima cosa che fa salito sull’aereo è controllare che ci sia lo schermo per visualizzare i film. Ne scorre più e più volte la lista selezionandone una quantità sufficiente per rimanere incollato davanti allo schermo per 72 ore di fila, manco dovesse andare e tornare dall’Australia.
12) Il PUZZONE: è un passeggero molto subdolo. Appena siete distratti, dirige tutti i bocchettoni dell’aria verso di lui e si leva veloce le scarpe, spingendole verso di voi, perché SA quello che sta per succedere. Dopo trenta secondi qualsiasi cosa stavate facendo deve essere interrotta, a causa di un puzzo insopportabile.
13) L’INCONTINENTE: siete appena riusciti a trovare una posizione comoda e state per addormentarvi. Non appartenete alla categoria dei letargici, quindi riuscire a dormire sull’aereo per voi è un’impresa. Ecco, proprio in questo momento il vostro vicino vi scuote il braccio perché ha bisogno di alzarsi e deve scappare in bagno. Ripeterà la stessa scena innumerevoli volte, tanto che vi chiederete se la vostra vescica funziona normalmente o se una volta atterrati non sia meglio prenotare una visita di controllo dall’urologo.
14) IL PAUROSO: è quel passeggero che, un po’ come tutti, ha paura di volare. Solo che lui vuole rendervi partecipi dei suoi attacchi di panico e per ogni lieve movimento dell’aereo vi stringerà la mano o cercherà un qualunque e indesiderato contatto fisico per sentirsi meglio nonostante il fatto che non vi conosca nemmeno.
15) IL MALEDUCATO: è uno dei peggiori. Lui semplicemente se ne frega di tutto e tutti. Se beve o mangia lo fa accompagnandosi con una sinfonia di rumori e versi rivoltanti. Appena addormentato russa in modo incontenibile e a turno si scaccola, scatarra e addirittura (lasciatemelo dire) scoreggia senza alcun pudore, conscio del fatto che il rumore dell’aereo riuscirà a mimetizzarne il suono.
16) IL PALATO RAFFINATO: questo passeggero si crede un moderno Cracco o Gordon Ramsay. Accetta il cibo offerto dall’aereo, ma non per mangiarlo: lo guarda, lo annusa e poi inizia a lamentarsi della qualità estremamente bassa del cibo servito sbocconcellando piccoli pezzetti di pane – che ovviamente fa schifo pure quello.
17) IL LOGORROICO: non avete fatto in tempo a inserire il vostro bagaglio a mano nello scompartimento sopra di voi che già vi sta chiedendo perché vi trovate su quell’aereo, quali sono i vostri piani per il futuro e come eravate da bambini. Durante il volo non smette di parlare nemmeno a pagarlo. Scenderete dall’aereo storditi che nemmeno Maria de Filippi a "Uomini e Donne".
18) IL MUTO: esattamente l’opposto del punto precedente. Non sorride, non vi guarda nemmeno. Non vuole avere nulla a che fare con voi. Né ora né mai.
19) IL GENERATORE DI APPLAUSI: tipicamente italiano, pensa che all’atterraggio dell’aereo il comandante si meriti un applauso, come quando a teatro gli attori finiscono la messinscena. Se vola con un gruppo di amici riesce a ricreare un’atmosfera da stadio, altrimenti fa la figura dello sfigato e viene guardato dagli altri passeggeri come se non avesse mai preso un aereo in vita sua.

Ma quello più incredibile di tutti è…

20) L’INQUIETANTE: non mangia, non beve, non si alza, non legge, non guarda film, non parla, non dorme. Sembra far parte della tappezzeria dell’aereo. Se mai, per disgrazia, come gufato dal passeggero di tipologia 5, dovesse capitare un incidente aereo di qualsiasi tipo, non abbiate dubbi: sarà l’unico sopravvissuto!

Carlotta

Share it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *