Gas Work Park, lo spirito di Seattle.


EnglishItalian

Gas Work Park è uno di quei luoghi che devi aspettare una bella giornata di sole per goderti. Purtroppo, in Novembre, sono rarissime. E’ infatti iniziata ufficialmente la rainy season di Seattle. Non passa giorno senza che qualche goccia regali alla città l'aspetto che tutti immaginate: grigio, spento, quasi sporco.

Quando esce il sole, però, quella stessa pioggia, appena caduta, offre uno spettacolo fantastico. Le pozzanghere per le strade riflettono le luci delle vetrine e l’azzurro del cielo, attirando i più piccoli come caramelle. Non esiste bimbo in Seattle che non sia proprietario di almeno un paio di stivali di gomma, necessari per fare un salto a piedi pari nei riflessi colorati. Senza ombra di dubbio, in questi rari momenti di bel tempo, se si riesce, è consigliato visitare un parco. Il colore dell’erba, degli alberi, delle foglie (in autunno sopratutto) è spettacolare. Il verde smeraldo, il giallo, l'arancione ed il rosso sembrano più accesi. Insomma, i colori, bagnati, sono vivi, lucidi e mettono di buonumore quando vengono illuminati dalla luce giusta. 

Gas Work Park si trova sul Lake Union, nel quartiere Wallingford, ed affaccia su Downtown. La vista di Seattle da qui, di per sé, vale la pena di una visita (sopratutto al tramonto). Lo spettacolo é reso suggestivo dall’enorme costruzione color bronzo che domina il sito: si tratta di una gasification plant che, invece di esser abbattuta, è stata preservata e ristrutturata. Lo spazio industriale è stato riconvertito ed ora vi sorge un piccolo parco di 19 acri. Guardando il lago, sulla destra, si erge una collinetta. Non è molto alta, anche se ho avuto i miei problemi a raggiungerne la cima. La colpa è di Bianca che, appena ha iniziato la salita con la mamma, è finita spalmata per terra, tra il fango. Ha messo un muso lungo che, se non la prendevo in braccio immediatamente, i goccioloni (lacrime terribili, un vero incubo per tutte le mamme) sarebbero stati pronti a fare il loro ingresso in scena. Anche se zavorrata, la fatica della salita viene ripagata quando si giunge in cima e si riesce ad ammirare dall'alto il paesaggio. 

La vecchia costruzione si erge in centro al parco, recintata, proprio fronte lago. A est un prato scende verso una spiaggetta dove le oche americane la fanno da padrone. Dietro la riva si trova la pump house, dove resistono i compressori, le pompe e i tubi originali della fabbrica. Anche questi sono stati ristrutturati di recente e sono protetti da una tettoia. L'idea é che il luogo serva da play and pic nic area, ma, in tutta onestà preferirei che Bianca non giocasse qui. Abbiamo fatto un giro veloce e ci siamo accorti che il posto, in realtà, é un dormitorio per homeless. Pulito, ma pur sempre un luogo dove dormono delle persone che sarebbe meglio non svegliare con urletti eccitati. 

Di fronte alla spiaggia potrete ammirare (se avete una buona vista) alcune delle famose case galleggianti di Seattle. Qui le chiamano houseboat. No, non sono delle catapecchie dove si rifugiano i disperati. Sono delle vere e proprie case, galleggianti, dotate di ogni comfort. Se date un’occhiata al link, vi accorgerete che il valore commerciale di alcune supera il milione di dollari e sono arredate dai migliori architetti della città.

Essere a Gas Work Park in un giorno così mi ha dato come l’impressione che questo posto sia Seattle. Quando capita di sentirsi in un luogo che racchiude l'essenza di una città (per come la si percepisce, da novizi), la sensazione é immediata, arriva a pelle. Lo capisci quando ci sei, ti siedi, ti guardi intorno e ti senti a Seattle. Ti senti parte di una comunità o, almeno, ti senti di averla capita. Respirata. Vissuta. Più di altri posti, questo parco, per me, racchiude il senso della città in cui ora vivo. Colline, verde, industrie, acqua. Seattle, appunto.

Chiara

Share it!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Gas Work Park, lo spirito di Seattle.

  • silvia

    bellissimo paesaggio! Brava la fotografa! però mi sorge un dubbio: non è che quelle colline sono nate dai….. rifiuti tossici sepolti li sotto? la forma è proprio quella!!!!!