Golden Gardens al tramonto: bittersweet symphony.


EnglishItalian

I Golden Gardens, ovvero i Giardini dorati, si trovano al confine Nord Ovest di Ballard, tra la Shilshole Marina ed il quartiere Greenwood. In questo preciso punto della baia di Seattle potete ammirare al meglio il Puget Sound e, in mattinata, quando il tempo lo permette, le Olympic Mountains.

Ci sono stata ieri pomeriggio. Ho pensato che, essendo il tramonto la così detta Golden hour, lo spettacolo sarebbe stato molto più suggestivo. Non mi sono sbagliata, anche se, ogni volta che vado a fare un giro lungo la costa, mi dimentico di vestirmi adeguatamente. Anche ieri pomeriggio, infatti, nonostante la bellissima giornata di sole, tirava un vento gelido che non aveva nulla da invidiare quello polare tanto odiato a Toronto durante i miei inverni canadesi. Vestita molto leggera (perché la giacca a vento non è cool), pronta per scattare una decina di selfies (che poi, sono venuti malissimo) mi sono congelata mani, piedi e sedere. Sarà il caso di fare qualche seduta di shopping. Oppure no. Si sa, il freddo mantiene giovani. 

Lo spettacolo del tramonto sul Puget Sound è stato bellissimo: il vento forte increspava le onde e la luce del sole che scendeva sulla baia colorava di riflessi la spiaggia ed il parco. Sulla riva solo poche persone (ben equipaggiate) passeggiavano tranquille, gettando qualche briciola ai gabbiani. Fuori, tra le onde, un matto con una barchetta a vela si divertiva a sfidare la sorte. Per un secondo ho provato ad immaginare cosa sia cadere in quelle acque a Novembre, ma soprattutto, cosa si possa provare tutti inzuppati, tra quelle raffiche di vento e mi sono stretta la sciarpa di lana al collo. Brrr …

Il parco alle spalle della spiaggia ormai è spoglio, anche se il verde è un colore che qui, nell’Evergreen State, domina sempre. Penso che verrà rimpiazzato, fra qualche settimana, dal bianco della neve. I giardini sono attrezzati con tavoli da pic-nic, alcuni barbecue ed un playground per i più piccoli. Sicuramente, d’estate, questo posto è molto più affollato (anche se non sono sicura si possa fare il bagno).

Non ho mai vissuto in un posto di mare. Il Puget Sound non è tecnicamente oceano (le sue acque sono salmastre) ma lo sembra. C’è qualcosa di magico nel mare d’inverno: sarà l’atmosfera di quiete apparente, l’odore della sabbia bagnata o semplicemente il sapore di sale nell’aria, ma, ogni volta che mi ci trovo di fronte, provo emozioni contrastanti. Dolci, ma allo stesso tempo malinconiche. Qui direbbero bittersweet, e si sa che l’inglese è una lingua diretta, concisa, semplice. Noi useremmo in prestito le parole di Enrico Ruggeri: il mare d’inverno “è un concetto che il pensiero non considera, è poco moderno, è qualcosa che nessuno mai desidera” (magari canticchiandole con la voce roca alla Loredana Berté).

Ieri, l’oceano d’inverno (anche se tecnicamente è ancora autunno e non è propriamente il Pacifico) si è tinto di colori caldi, dorati. Colori estivi, che mettono allegria. Il silenzio, le poche persone, il vento forte ed il freddo rendono le reminiscenze di quell’estate ricordi sbiaditi, tristi.

Mi sono girata, appena finito di scattare queste foto ed ho notato alcune macchine parcheggiate lungo la strada. Molte. Forse troppe per le poche persone che ho incrociato durante i venti minuti di passeggiata. Tolgo gli occhiali da sole ed inforco quelli da vista. I proprietari sono lì, seduti dentro le loro auto, al calduccio, da soli o in compagnia, a guardarsi il tramonto del loro bel sole sul loro bel Puget Sound. Una bella immagine, malinconica, che, per la prima volta, mi fa comprendere a fondo cosa significhi vivere al mare, e del mare avere bisogno.

Chiara

Share it!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Golden Gardens al tramonto: bittersweet symphony.

  • Zia Tella

    ciao Chiarino inutile dirti che le foto sono impagabili… L’ultimo paragrafo mi ha commossa …sei riuscita a tradurre in parole emozioni,sentimenti sensazioni… Grazie per farci vivere e conoscere la realtà che vi circonda. Un abbraccio grande come il mare.. un super bacio a Bianca