Orlando: una città particolarmente “attraente”


EnglishItalian

Orlando è considerata la capitale mondiale dei parchi divertimento e le varie attrazioni convogliano più di 60 milioni di turisti ogni anno. Per mettere in prospettiva questo stormo di villeggianti, basta pensare che Roma viene assalita, in media, da 10 milioni di persone (a meno che ci sia il Giubileo) nello stesso periodo. Quindi, è chiaro che l’industria turistica è una delle forze trainanti di Orlando - ma questo cosa comporta per i residenti? Da buona italiana, non vi deluderò stendendo le "lodi del turista", in quanto qui si tratta dell’esemplare più becero che di certo non è alla ricerca di stimoli culturali... Comunque, tra i lati positivi per gli Orlandians, c’è un’immensa offerta di attività ricreative. La domanda crea l’offerta e nel raggio di 30 chilometri se ne trova di ogni. Si possono fare sport acquatici sui numerosi laghi: sci d’acqua, wakeboard, paddleboard, jetboots, kayak, canoa, etc. Si possono fare attività adrenaliniche come paracadutismo, deltaplano ed acrobazie sul trapezio. E nel caso l’offerta sia oggettivamente impossibilitata si va di simulazione! Vuoi surfare? C’è fantasy surf indoor. Vuoi sciare? C’è una pista da neve indoor. Vuoi lanciarti col paracadute? C’è il wind tunnel di Ifly.

Ritornando al turista becero, ormai anch’io sono una veterana dei parchi di Orlando! 😉

Ora non mi metterò a fare una lista dell’offerta, per quello c’è Tripadvisor. Mi concentrerò invece su quelli che ritengo siano i parchi più consoni per ragazzi/ giovani adulti/ adulti immaturi (non so bene quale sia la mia categoria).

Parchi Disney – Animal Kingdom è il parco più grande al mondo ed è una sorta di zoo interattivo in cui sono stati ricreati vari habitat. Una delle mie attrazioni preferite è il safari, con tanto di jeep e guida su fondo sterrato, in un’area in cui è stato riprodotto l’ecosistema africano. Nonostante il mantenimento degli animali in cattività sia un tema controverso, parte sostanziale dei ricavi è dedicata alla sovvenzione della ricerca e della salvaguardia dell’ambiente. 

L’altro parco che consiglio è Epcot, dove il “World Showcase” è composto da vari padiglioni che intendono presentare la cultura e la cucina di 11 paesi: Messico, Norvegia, Cina, Germania, Italia, USA, Giappone, Marocco, Francia, Regno Unito e Canada. Una sorta di Expo in pianta stabile.

Parchi Seaworld – Seaworld per eccellenza, dove ci sono montagne russe, spettacoli con animali addestrati (tra cui, come avevo accennato in un articolo precedente, le orche assassine) ed acquari.

Un altro parco del gruppo, che ho visitato per la prima volta ieri, è Discovery Cove. Non ci sono giostre: è una sorta di resort in cui sono offerte esperienze come la possibilità di indossare un “casco da immersione” connesso a una bombola di ossigeno e camminare sott’acqua in una vasca di pesci tropicali e si ha anche l’occasione di interagire con delfini.

Parchi Universal – ci sono due parchi a tema: Universal Studios Island of Adventures. Hanno giostre inserite in set cinematografici di film prodotti dalla medesima casa di produzione, ed un parco acquatico, Wet ‘n Wild, che è a mio avviso il migliore tra la competizione. Per gli amanti di Harry Potter, i parchi Universal sono una tappa imperdibile… il set è stato ricreato in maniera spettacolare e sembra davvero di essere finiti a Hogsmeade!

Ma ora basta con questa fiera del consumismo. Chiudiamo in bellezza con un posto unico che consiglio a chiunque di visitare: il Kennedy Space Center. Il KSC dal 1962 è una delle principali strutture di lancio di veicoli spaziali della NASA e si trova a Cape Canaveral; dal 2010 è diventato un porto spaziale multi-utente. Nel 1995 è stato aperto al pubblico il Visitor Complex, una sorta di museo interattivo. Tra le varie attività, è possibile fare un tour guidato del complesso della NASA, comprese le varie stazioni di controllo, ed ammirare la capsula dell’Apollo-Saturn 5, il più grande razzo mai costruito. Una tappa per grandi e piccini!

…E nella prossima puntata ci sposteremo sulla costa per parlare di spiagge!

Questo è tutto dalla vostra Licia Colò

Baba

 

 

CREDIT: pictures taken from the original websites (click on the images to be redirected)

 

Share it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *