Midsommar, la “Festa di Mezza Estate”: imperdibile tradizione svedese


Fin dai tempi antichi, gli abitanti delle terre del Nord hanno sempre vissuto in profonda sintonia con la natura ed i suoi ritmi. Qualità che il popolo svedese conserva tutt’ora intatta. Per questo ogni anno, a cavallo del solstizio d’estate, un Venerdì tra il 19 e il 25 Giugno viene scelto per celebrare il Midsommar (o Midsummer day), ovvero quella che è sicuramente la loro tradizione più sentita – addirittura più del Natale o di Santa Lucia.

Si tratta di un importante momento di condivisione e che venga celebrato in grandi gruppi di amici o solo in famiglia poco importa: tutti si riuniscono per celebrare l’estate finalmente alle porte. Per l’occasione, è consuetudine tornare in contatto con la natura: le città si svuotano pian piano, sino a diventare praticamente deserte, salvo i pochi turisti del periodo e alcune (rare) attività nel cuore della città che non vengono interrotte.

I paesini di campagna o le isole dell’arcipelago, minuziosamente addobbati con tripudi di fiori coloratissimi, si preparano invece ad ospitare i moltissimi visitatori.

Simbolo di questa festa è sicuramente il “Majstång” (o Maypole), un’alta composizione di legno dalla forma di una grossa croce a cui sono attaccati due cerchi più piccoli, interamente ricoperta di fiori e piante rampicanti, che viene eretta al centro di ampi spazi aperti, in modo che la gente possa riunirvisi attorno per danzare e cantare.

Durante la giornata banchetti a base di aringhe sottaceto, patate bollite, salmone e pesce fresco, vengono consumati in allegria, il tutto accompagnato da boccali di birra schiumante e innumerevoli brindisi con i coloratissimi schnapps, ovvero piccoli shottini di grappa speziata in grado di bruciare la gola e rianimare lo spirito. Seguono canti e balli tradizionali (tra cui la famosissima danza Små Grodorna, dove tutti saltellano come ranocchie) e molti giochi per intrattenere anche i più piccoli.

Noi abbiamo celebrato quest’usanza con una bella gita a Styrsö, un’isoletta a mezz’ora di traghetto da Göteborg. È stata una giornata davvero piacevole ed è tutto registrato nel video sottostante, quindi… Buona visione! 🙂

Carlotta

Ps: una curiosa leggenda popolare narra che le giovani ragazze dovrebbero, sulla via del ritorno, cogliere sette tipi diversi di fiori e riporre il mazzetto ottenuto sotto al proprio cuscino prima di dormire. Così facendo, apparirà loro in sogno, nella notte, il volto del loro futuro marito. Ovviamente (per fortuna o sfortuna non si sa) io ho scoperto questo mito quando ormai era troppo tardi, quindi per ora non posso svelarvi ancora nulla, ma cercherò di ricordarmene l’anno prossimo!

Share it!

EnglishItalian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *