Londra-Hong Kong sola andata


Conosco Stefano da molti anni. Che poi ... Stefano non penso di averlo mai chiamato in vita mia. Per me è sempre stato il Vix. Ci siamo incontrati il primo anno di università, a Pavia. Entrambi frequentavamo Economia. Nelle classi del primo anno, gli studenti L-Z (lui Viani, io Marazzi) erano tantissimi, quasi trecento. Non mi ricordo bene come è avvenuto il primo incontro, ma sono quasi certa di averlo notato quasi subito, tra i nostri compagni.

Prima di tutto perché ho sempre avuto un debole per l'accento bergamasco. E la sua voce risuonava spesso in fondo all'aula, tra un pöta ed altre espressioni che sarebbe meglio non condividere. Poi perché è un ragazzo che si nota. Strano non è il termine giusto - io direi piuttosto diverso. In senso buono. Occhiali squadrati neri, zainetto sulle spalle, attento alle lezioni ma, non troppo. Scanzonato. Non il classico secchione, non il classico nerd. Un personaggio diverso, appunto, che ho imparato a conoscere negli anni (insieme alla sua combriccola di amici!) e che ricordo con tantissimo affetto. Purtroppo, le nostre strade si sono divise dopo gli anni a Pavia. Ogni tanto ricevevo sue notizie, tramite Facebook ed amici in comune a Londra. 

Il fatto che sia finito in Asia, ad Hong Kong, non mi sorprende affatto. Quella cosa in più, quel qualcosa di diverso che aveva dieci anni fa e che sicuramente ancora oggi custodisce, non poteva che portarlo verso un'avventura unica - e sicuramente bellissima - che non vedo l'ora di ascoltare. 

Chiara

29 Luglio 2015 volo VS206 London Heatrow – Hong Kong International airport. Finalmente, dopo mesi di studio per superare quel maledetto GMAT ed i colloqui di ammissione e dopo quegli interminabili ultimi mesi di consulenza nel regno anglosassone, si parte! Due sacchi Ikea di abiti donati, un valigione di roba spedita a Bergamo (“tanto ad Hong Kong la temperatura non scende mai sotto i 15 gradi”) e ci si imbarca. Uno zaino, una borsa ed una valigia: dopo due anni e mezzo a Londra, e dopo 5 e rotti di lavoro si torna a scuola! 

Ebbene si, si torna a scuola: a Luglio 2015 terminavo il mio periodo come Senior Associate in Sapient Global Markets, società di consulenza oggi parte di Publicis.Sapient, per diventare un MBA Full-Time Student presso HKUST (Hong Kong Unviersity of Science and Technology). 

Per la prima volta andavo a vivere in un campus universitario (e che campus! Ospita 13,000 studenti!) insieme a quelli che sarebbero presto diventati i miei compagni di classe. E per la prima volta mi sarei trovato a studiare materie come "Corporate Finance" interamente in inglese. Ok sì, "e l’Erasmus"? Beh dai… in Erasmus nessuno studia

Quel volo è stato un bel mix di emozioni e riflessioni (12 ore e più da solo a guardarmi serie tv a ripetizione). I pensieri continuavano a soffermarsi su cose del tipo: "ho speso tutti i miei risparmi e per i prossimi 16 mesi come me la caverò? Ce la farò davvero a tornare a studiare? Ne è passato di tempo dalla laurea ai tempi di Pavia… E come saranno i compagni? In fondo di persona ne ho conosciuto soltanto uno finora: anche lui Italiano, anche lui lavorava a Londra... Ma gli altri? E chi saranno i miei compagni di stanza? Per mesi ci siamo bombardati di messaggi nel gruppo “HKUSTMBA 2015” finalmente li conoscerò dal vivo! Ad ogni modo… ormai è andata! E poi… 13 gradi a Londra e 30 a Hong Kong: dovrebbe bastare quello!"

Mollare tutto per tornare dietro ai banchi di scuola può sembrare un colpo di testa, ma in realtà l'idea l'avevo maturata nel tempo per una serie di motivi. In primis il lavoro - non ne potevo più di fare il consulente e l’MBA mi avrebbe aiutato a cambiare (in meglio si spera!). Poi la città - Londra l’avevo sempre vista di passaggio e non mi aveva mai appassionato fino in fondo. E, diciamocelo, anche l’età - “è l’ultima occasione per buttarsi davvero e riuscire a fare qualcosa di nuovo... Insomma, ho appena compiuto 30 anni!

Infine Hong Kong e l’Asia: una città ed un continente che mi avevano sempre affascinato! 

In tutto questo turbinio di emozioni e pensieri, atterro il 30 Luglio (con un giorno di ritardo sui miei compagni di classe) e perdo subito il passaporto… Iniziamo bene!!!

Stefano

Share it!

EnglishItalian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *